Barca, il PD romano è pericoloso e clientelare

Fabrizio Barca, incaricato di mappare i circoli del PD, punta il dito: nella relazione intermedia del lavoro svolto su incarico di Matteo Orfini, infatti, parla di un partito cattivo.

481
Barca, il PD romano è pericoloso e clientelare

Fabrizio Barca, incaricato di mappare i circoli del PD Romano, punta il dito contro i gruppi: nella relazione intermedia del lavoro svolto su incarico di Matteo Orfini, infatti, parla di un partito cattivo, pericoloso e dannoso, che lavora solo per gli eletti e “senza alcuna capacità di raggruppare e rappresentare la società del proprio quartiere“.

La mappatura è stata affidata a Barca da Orfini dopo il commissariamento del partito a Roma, e dopo tre mesi ha portato alla stesura della relazione intermedia che mostra il panorama incontrato dal team di #mappailPd. Consultabile anche online, mostra i tratti di un partito cattivo, dannoso e pericoloso, privo di trasparenza, in cui traspaiono deformazioni clientelari e una presenza massiccia di “carne da cannone da tesseramento“, ma bisogna stare attenti a distinguerlo, si legge nella relazione, “dal partito che subisce inane lo scontro correntizio, le scorribande dei capibastone, e che svolge un’attività territoriale, ma senza alcuna capacità di raggruppare e rappresentare la società del proprio quartiere“.