Pd, dimissioni Maurizio Lupi: un atto di dignità

Le dimissioni di Maurizio Lupi rappresentano, per il presidente del Consiglio Matteo Renzi, un atto di dignità e di onestà.

Pd, dimissioni Maurizio Lupi: un atto di dignità

Le dimissioni di Maurizio Lupi rappresentano, per il presidente del Consiglio Matteo Renzi, un atto di dignità e di onestà, un gesto politico da non sottovalutare e da apprezzare, soprattutto considerato il fatto che noi siamo ‘garantisti’ e che nessuno avrebbe potuto chiedere le dimissioni del ministro delle Infrastrutture.

Il presidente del consiglio ha anche commentato la faccenda ricordando che queste dimissioni non avranno peso né conseguenze politiche sul governo, che è ancora impegnato a lavorare sulle riforme e che vede nelle riforme le sue priorità. Pertanto, bisogna continuare a lottare per “cambiare l’Italia e renderla più giusta e competitiva”: è quanto ha dichiarato Matteo Renzi dal Consiglio europeo di Bruxelles, ricordanco che la priorità per il governo è rilanciare l’Italia.

Non ci sono ancora notizie in merito al presunto successore di Lupi, perché le valutazioni dovranno essere portate avanti insieme al capo dello Stato, ma per il momento si penserà a un ministro ‘ad interim’.