Regionali, avanti con accordo FI-Lega

Il cavaliere e il leader del carroccio hanno raggiunto, nonostante le incertezze causate da alcuni movimenti interni ai propri partiti, una intesa sulle Regionali.

Regionali, avanti con accordo FI-Lega

Il cavaliere e il leader del carroccio hanno raggiunto, nonostante le incertezze causate da alcuni movimenti interni ai propri partiti, una intesa sulle Regionali: Berlusconi candiderà Toti alla regione Liguria, sacrificando il candidato leghista, mentre Forza Italia cederà il passo a Zaia in Veneto.

E Salvini ha commentato la decisione dicendo che l’obiettivo è la vittoria, e “se gli alleati ci chiedono di fare un passo indietro per vincere lo facciamo”, puntando a raddoppiare i voti ottenuti nello scorso anno. Nessuna lista, invece, per la Lega in Campania. Intanto continua la bagarre all’interno dei due partiti, con un certo malumore all’interno delle file della Lega. L’impasse infatti viene dalla decisione di cambiar candidato in corsa in Liguria, dove il vicesegretario Rixi dovrà cedere il posto a Toti, una decisione che Salvini ha motivato come sacrificio per la vittoria. Intanto, in Forza Italia continuano le tensioni, e Toti è dell’idea che gli ex membri di partito che ora sono nel gruppo misto (Bondi e la Repetti), “se non si riconoscono più in FI” devono dare le dimissioni da Palazzo Madama.