Renzi, scommettiamo sulla scuola per essere superpotenza

"Passiamo per il governo dei comunicatori ma ritengo che il governo non sia stato bravo a comunicare quello che ha fatto".

Renzi, scommettiamo sulla scuola per essere superpotenza

Passiamo per il governo dei comunicatori ma ritengo che il governo non sia stato bravo a comunicare quello che ha fatto“, queste le parole del premier Matteo Renzi alla Luiss School of government, che ha continuato dicendo che chi fa più di quanto comunica sbaglia, in quanto la comunicazione consente di entrare in contatto coi cittadini.

E ha aggiunto che l’Italia dei prossimi anni non sarà come sarà grazie alla riforma del lavoro o della pubblica amministrazione, ma grazie al modello educativo, sul quale “ci giochiamo una delle chance di essere superpotenza mondiale“, aggiungendo che “c’è bisogno di una scommessa sulla scuola“. E ha detto che chi è legittimato a decidere on è un dittatore, perchè se non prende delle decisioni lascia andare in malora il Paese: “Decidere, se legittimati a farlo, è democrazia. Tradisce la fiducia chi passa il tempo a vivacchiare senza che l’Italia abbia le riforme necessarie“.