Silvio Berlusconi azzera il passivo di Forza Italia

Gli oltre 90 milioni di euro di debiti contratti dal partito Forza Italia sono stati azzerati dal leader Silvio Berlusconi.

Gli oltre 90 milioni di euro di debiti contratti dal partito Forza Italia sono stati azzerati dal leader Silvio Berlusconi, che ha tirato fuori dal proprio conto corrente il denaro necessario: a indicarlo Adnkronos, che ha esaminato il bilancio al 31/12 del partito dal quale è evidente come Berlusconi si sia accollato nuovamente il passivo.

E Maria Rosaria Rossi, nella relazione al Senato del 10 giugno, ha dichiarato che l’intervento del presidente è andato avanti fino a marzo 2015, per complessivi 90.433.000 Euro, includendo i versamenti del 31 dicembre. In questo modo gli oneri finanziari del partito sono stati azzerati nei confronti delle banche.

La Rossi, che ha preso il posto di Sandro Bondi alla guida economica del partito, ha trovato un partito in rosso, con debiti che superavano gli 80 milioni di ero, e passività ereditate dal PDL. Il colpo di grazia alle casse lo hanno dato il limite di 100.000 euro per singolo contributore alle erogazioni liberali, e l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti.